sabato 1 settembre 2012

CORONA SOFFICE CON FRUTTA SECCA E CANDITI


INGREDIENTI:
  • 125 g. di farina
  • 70 g. di burro
  • 3 uova
  • 50 g. di ciliegine candite
  • 50 g. di cedro candito
  • 50 g. di pinoli
  • 50 g. di uvetta
  • 30 ml. di rhum (un bicchierino)
  • 10 g. di zucchero al velo (un cucchiaio)
  • Una bustina di vanillina
  • Un pizzico di sale fino



Ammollare l'uvetta 10 minuti in acqua tiepida, scolarla, asciugarla e metterla in una ciotola col rhum per 15 minuti; quindi, scolarla e asciugarla nuovamente con carta da cucina.

Dividere le ciliegine e tagliare a cubetti il cedro.

Versare in un tegame 250 ml. di acqua, il sale, il burro, e fare sciogliere a fiamma bassa quest'ultimo facendo attenzione a non lasciar bollire l'acqua; togliere dal fuoco e versare in un colpo tutta la farina precedentemente mescolata alla vanillina mescolando velocemente con un cucchiaio di legno e cercando di evitare la formazione di grumi.

Riportare il tegame sulla fiamma media e cuocere cinque minuti (l'impasto sara' cotto quando si raccogliera' a palla staccandosi dalle pareti del recipiente ed iniziera' ad emettere un rumore come se friggesse); togliere nuovamente dal fuoco e lasciare intiepidire tre minuti.

Incorporare quindi le uova, una alla volta, mescolando velocemente col cucchiaio di legno (nell'eseguire questa operazione, l'impasto deve essere ancora caldo ma non bollente e occorre fare attenzione a mescolare molto rapidamente con il cucchiaio di legno per evitare che le uova formin
Imburrare ed infarinare l'interno dello stampo (se non si ha con il foro centrale, si puo' utilizzare una normale teglia con al centro un barattolo di latta rivestito con alluminio e quindi imburrato) e riempirlo con cucchiaiate d'impasto, cercando di non lasciare spazi vuoti; infornare a 190° per 20 minuti, quindi proseguire la cottura per altri 20 minuti a 175°: il dolce deve presentarsi gonfio e ben colorito e sara' cotto quando infilandovi uno stecchino quest'ultimo uscira' asciutto.

Una volta raffreddato, spolverizzare la superficie del dolce con un po' di zucchero a velo fatto scendere a pioggia da un colino. 

Nessun commento:

Posta un commento